Andrea Amici

musicamultimedia.net

Categoria: In primo piano Page 2 of 4

Andrea Amici e l'Orchestra MusiDOC

MusiDOC a Castello Ursino

Andrea Amici dirige l’Orchestra MusiDOC

La corte del maestoso Castello Ursino di Catania, uno dei più importanti monumenti del medioevo europeo, oggi museo civico della città, ha ospitato la sera del 6 giugno 2013 la seconda edizione di MusiDOC, il concerto/rassegna dei docenti di strumento musicale di scuola secondaria di primo grado, al quale hanno partecipato ventiquattro musicisti, docenti di cinque scuole a indirizzo musicale di Catania.

In una cornice di rara bellezza, fra le alte mura del castello contornate di reperti medievali, si è svolta una serata all’insegna della musica e della cultura, ma anche una testimonianza di impegno e passione da parte dei docenti di scuola che hanno voluto mostrare alla platea e alla città intera quanto valore possa nascondersi nella giornaliera attività didattica nel contesto della scuola pubblica.

Nell’ultima parte del concerto si  è esibita la MusiDOC Orchestra, diretta da Andrea Amici, che ha curato gli arrangiamenti di tre brani di Leonard Bernstein (“Chamber Dances from West Side Story“), Ennio Morricone (“My Favourite Morricone“) e Frederick Loewe (“My Fair Lady“), e la composizione di un brano originale, Notturno, espressamente scritto per la serata al Castello Ursino, dove è stato presentato in prima esecuzione assoluta. L’Orchestra, che aveva debuttato lo scorso anno nella prima edizione della medesima rassegna, è attualmente composta da diciotto docenti di cinque scuole e già in questa seconda uscita, oltre alla indubbia perizia tecnica dei singoli strumentisti, ha dimostrato, nel suo già ricco e variegato repertorio, un alto grado di affiatamento, coesione ed empatia reciproca, un chiaro esempio di passione per la musica e l’arte, la stessa che tutti i giorni, con impegno, viene testimoniata e trasmessa a scuola ai più giovani.

Napoli esecuzione 2012

Salmo 8 per coro e pianoforte: Prima esecuzione assoluta

La Chiesa Luterana di Napoli

La Chiesa Luterana di Napoli

Il 23 aprile 2013, alla Chiesa Luterana di Napoli, si è svolta la finale della XIII edizione del concorso di composizione corale su testi sacri indetto dalla Comunità Evangelica Luterana nell’ambito della stagione concertistica “Musica e cultura a Piazza dei Martiri”.

Andrea Amici ha partecipato anche a questa edizione del premio, che ha già vinto per due volte, con il brano “Salmo 8 per coro e pianoforte“, eseguito nella serata in prima esecuzione assoluta dall’ensemble corale formato da Rosaria La Volpe e Francesca Zurzolo (soprani), Tiziana Fabbricatti e Alessandra Lanzetta (contralti), Guido Ferretti e Roberto Franco (tenori), Andrea Campese e Sergio Petrarca (bassi), provenienti da prestigiose realtà cittadine napoletane, diretti dal maestro Carlo Forni e accompagnati al pianoforte dal giovane spagnolo José Manuel Núñez.

Il Kresge Auditorium del MIT (Boston, MA)

Le Tre Preghiere per organo al MIT Kresge Auditorium

Il Kresge Auditorium del MIT

Il 1° febbraio 2013 Leonardo Ciampa esegue all’organo del Kresge Auditorium del Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Boston le Tre Preghiere per Organo di Andrea Amici, per la prima volta come ciclo completo in un concerto tutto di musica contemporanea.

Le Tre Preghiere sono un ciclo di composizioni per organo, scritte su invito del M° Leonardo Ciampa; ogni brano è una meditazione in musica su un testo sacro latino, riportato in partitura, ed espresso nel suo intimo significato attraverso figure allegoriche che collegano profondamente motivi musicali con parti del testo – rendendo così ancora più esplicito il contatto tra le note e le parole – e che vengono sviluppate attraverso percorsi che estrinsecano e approfondiscono stati d’animo propri della preghiera.

Andrea Amici dirige l'Ensemble MusiDOC

Andrea Amici e l'Ensemble MusiDOC

Nel corso di un concerto tenutosi a Catania in Piazza Università il 10 maggio 2012 nell’ambito delle manifestazioni culturali denominate “Catania in Prima…Vera” promosse dall’amministrazione comunale, Andrea Amici ha diretto l’Ensemble MusiDOC, una formazione cameristica composta da quindici docenti delle scuole secondaria di primo grado a indirizzo musicale, in tre brani, due suoi arrangiamenti e uno completamente originale scritto per l’occasione.

I due arrangiamenti sono due estesi collage musicali, il primo su temi di George Gershwin, intitolato The Gershwin Years, e il secondo su temi del celebre musical My Fair Lady di Frederick Loewe.

Il brano composto per l’occasione da Andrea Amici e diretto in prima assoluta al concerto si intitola Perpetuum, piccola rapsodia per quindici esecutori; dedicato ai componenti dell’Ensemble MusiDOC, consiste in una meditazione sul tempo nelle sue varie accezioni: il tempo musicale e in generale le sue possibilità di combinazione, il tempo come memoria e infine il tempo come continuità quasi infinita che “in perpetuo” ingloba le altre dimensioni.

Vai alla pagina di approfondimento, con l’analisi e il video della prima esecuzione.

Andrea Amici dirige l'Orchestra MusiDOC

Andrea Amici dirige l’Ensemble MusiDOC

Andrea Amici e l’Ensemble MusiDOC

Nel corso di un concerto tenutosi a Catania in Piazza Università il 10 maggio 2012 nell’ambito delle manifestazioni culturali denominate “Catania in Prima…Vera” promosse dall’amministrazione comunale, Andrea Amici ha diretto l’Ensemble MusiDOC, una formazione cameristica composta da quindici docenti delle scuole secondaria di primo grado a indirizzo musicale, in tre brani, due suoi arrangiamenti e uno completamente originale scritto per l’occasione.

I due arrangiamenti sono due estesi collage musicali, il primo su temi di George Gershwin, intitolato The Gershwin Years, e il secondo su temi del celebre musical My Fair Lady di Frederick Loewe.

Il brano composto per l’occasione da Andrea Amici e diretto in prima assoluta al concerto si intitola Perpetuum, piccola rapsodia per quindici esecutori; dedicato ai componenti dell’Ensemble MusiDOC, consiste in una meditazione sul tempo nelle sue varie accezioni: il tempo musicale e in generale le sue possibilità di combinazione, il tempo come memoria e infine il tempo come continuità quasi infinita che “in perpetuo” ingloba le altre dimensioni.

Vai alla pagina di approfondimento, con l’analisi e il video della prima esecuzione.

Napoli esecuzione 2012

Andrea Amici vince la XII edizione del Premio di Composizione “Musica e Cultura a Piazza dei Martiri”

Il Prof. Daniele Spini, docente di Storia della Musica al Conservatorio di Firenze, premia Andrea Amici

Il Prof. Daniele Spini, docente di Storia della Musica al Conservatorio di Firenze, premia Andrea Amici

Con la prima esecuzione del brano “L’Eterno è la mia forza” (Dominus Adiutor Meus) per coro e pianoforte avvenuta alla Chiesa Luterana di Napoli il 18 aprile 2012 Andrea Amici ha vinto il Premio della Giuria alla XII Edizione del Concorso di Composizione “Musica e Cultura a Piazza dei Martiri.

La Giuria, formata dal direttore del Coro Luterano di Napoli Carlo Forni, dai compositori Carlo Galante (docente di composizione al Conservatorio di Genova) e Gaetano Panariello (docente di composizione al Conservatorio di Napoli), dal prof. Daniele Spini, critico musicale e docente di storia della musica al Conservatorio di Firenze, e da Elsa Evangelista, direttore del Conservatorio di Napoli, ha assegnato il premio al termine del concerto delle composizioni finaliste, svoltosi nell’ambito dei “Concerti di Primavera”, rassegna organizzata dalla Comunità Evangelica Luterana e diretta da Luciana Renzetti.

L’esecuzione è stata curata dal “Gruppo Vocale” della Chiesa Luterana di Napoli, diretto da Carlo Forni, con Vincenzo Caiazzo al pianoforte.

Il brano, definito dal critico napoletano Marco Del Vaglio in un suo articoloun pezzo di grande complessità vocale“, mette in musica parte del testo del Salmo 27/28; il testo, come in altre composizioni sacre di Andrea Amici, viene diviso in varie sezioni, fra di loro spesso sottilmente legate da allusivi legami tematici. Il coro viene trattato con largo impiego di formule polifoniche, spesso diviso per creare, nelle parti omoritmiche, una complessa armonia a otto parti; il pianoforte si inserisce nel tessuto vocale, supportandolo, contrastandolo, spesso facendo parte delle trame polifoniche, impegnando lo strumento nella creazione di testure di ispirazione orchestrale.

 

Andrea Amici vince la XII edizione del Premio di Composizione "Musica e Cultura a Piazza dei Martiri"

Il Prof. Daniele Spini, docente di Storia della Musica al Conservatorio di Firenze, premia Andrea Amici

Il Prof. Daniele Spini, docente di Storia della Musica al Conservatorio di Firenze, premia Andrea Amici

Con la prima esecuzione del brano “L'Eterno è la mia forza” (Dominus Adiutor Meus) per coro e pianoforte avvenuta alla Chiesa Luterana di Napoli il 18 aprile 2012 Andrea Amici ha vinto il Premio della Giuria alla XII Edizione del Concorso di Composizione “Musica e Cultura a Piazza dei Martiri.

La Giuria, formata dal direttore del Coro Luterano di Napoli Carlo Forni, dai compositori Carlo Galante (docente di composizione al Conservatorio di Genova) e Gaetano Panariello (docente di composizione al Conservatorio di Napoli), dal prof. Daniele Spini, critico musicale e docente di storia della musica al Conservatorio di Firenze, e da Elsa Evangelista, direttore del Conservatorio di Napoli, ha assegnato il premio al termine del concerto delle composizioni finaliste, svoltosi nell’ambito dei “Concerti di Primavera”, rassegna organizzata dalla Comunità Evangelica Luterana e diretta da Luciana Renzetti.

L'esecuzione è stata curata dal “Gruppo Vocale” della Chiesa Luterana di Napoli, diretto da Carlo Forni, con Vincenzo Caiazzo al pianoforte.

Il brano, definito dal critico napoletano Marco Del Vaglio in un suo articoloun pezzo di grande complessità vocale“, mette in musica parte del testo del Salmo 27/28; il testo, come in altre composizioni sacre di Andrea Amici, viene diviso in varie sezioni, fra di loro spesso sottilmente legate da allusivi legami tematici. Il coro viene trattato con largo impiego di formule polifoniche, spesso diviso per creare, nelle parti omoritmiche, una complessa armonia a otto parti; il pianoforte si inserisce nel tessuto vocale, supportandolo, contrastandolo, spesso facendo parte delle trame polifoniche, impegnando lo strumento nella creazione di testure di ispirazione orchestrale.

Vai alla pagina di approfondimento, con il video della prima esecuzione assoluta.

 

scena da Il Lungo Viaggio

Presentazione del cortometraggio “Il lungo viaggio”

La locandina del cortometraggio

La locandina del cortometraggio

L’11 giugno 2010, all’Aula Magna dell’Università degli Studi di Messina, è stato presentato il cortometraggio dal titolo “Il lungo viaggio” realizzato dal Liceo Scientifico “G. Seguenza” in collaborazione con l’Università di Messina nell’ambito del Progetto Cinema Officina Performativa 2010.

La colonna sonora del cortometraggio, interpretato da studenti, con la regia di Giuliano Pagliaro, è stata composta, orchestrata e realizzata da Andrea Amici.

Presentazione del cortometraggio "Il lungo viaggio"

La locandina del cortometraggio

La locandina del cortometraggio

L’11 giugno 2010, all’Aula Magna dell’Università degli Studi di Messina, è stato presentato il cortometraggio dal titolo “Il lungo viaggio” realizzato dal Liceo Scientifico “G. Seguenza” in collaborazione con l’Università di Messina nell’ambito del Progetto Cinema Officina Performativa 2010.

La colonna sonora del cortometraggio, interpretato da studenti, con la regia di Giuliano Pagliaro, è stata composta, orchestrata e realizzata da Andrea Amici.

Un approfondimento su questa pagina del blog.

Un momento della prima esecuzione della Cantata Luterana

Prima esecuzione della Cantata Luterana “Sola nel mondo eterna”

Prima esecuzione assoluta alla Chiesa Luterana di Napoli il 22 aprile 2010 della Cantata Luterana “Sola nel mondo eterna”, composta da Andrea Amici, brano finalista alla X edizione del concorso di composizione “Musica e Cultura a Piazza dei Martiri, concorso che, nella precedente edizione, era stato vinto da Andrea Amici con “Salmo 116 per coro e pianoforte“.

Il brano, che mette in musica un florilegio di testi sacri e profani selezionati da Holger Milkau, Decano della CELI e Pastore della Comunità Evangelica Luterana di Napoli, è scritto per soprano, coro e quartetto d’archi ed è stato eseguito dal Coro Luterano di Napoli con la partecipazione del soprano solista Silvia del Grosso e del Quartetto formato da Giuseppe Carotenuto, Francesco Maggio (violini), Annamaria Sullo (viola), Manuela Albano (violoncello), diretti dal M° Eduardo Bochicchio.
Nei prossimi giorni sarà disponibile la partitura e la registrazione completa effettuata da Andrea Amici nella versione per soprano solista, coro sinfonico e orchestra d’archi.

Page 2 of 4

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Navigando fra le pagine di questo sito, ne accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" autorizzi il loro utilizzo. Consulta la pagina Informativa sui cookie per maggiori informazioni.

Chiudi