Andrea Amici

musicamultimedia.net

Tag: Ennio Morricone

Music ‘n’ Movies – Itinerari di Musica da Film

Music ‘n’ Movies è un viaggio attraverso alcune fra le più belle pagine composte per il cinema, disposte in ampi collage musicali: da Morricone a John Williams, due fra i più grandi compositori di tutti i tempi, a Miklós Rózsa e Bernard Herrmann, autori dell’età dell’oro delle colonne sonore di Hollywood, inscindibilmente legati al genio di Alfred Hitchcock, facendo tappa fra le note di un famosissimo musical di Richard Rodgers.

Come omaggio alla scuola che ospita il concerto viene proposta anche una selezione dalla colonna sonora composta da Andrea Amici per il cortometraggio “Alle pendici dell’Etna il paradosso si integra”, realizzato e prodotto dalla Pestalozzi in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Catania, e presentato a EXPO 2015.

logo-lydian

Lydian Ensemble: Rosa Alba Nicolosi (violino I.), Marianatalia Ruscica (violino II.), Rosaria Milici (viola), Stefania Puccia (violoncello), Patrizia Privitera (contrabbasso), Annalisa Mangano (pianoforte), Domenico Testaì (flauto), Davide Sciacca (chitarra)

Andrea Amici: arrangiamenti e direzione

Auditorium Viale Nitta, Istituto Omnicomprensivo Pestalozzi, Lunedì 29 maggio 2017 – ore 18,00

Realizzato dall’Istituto Omnicomprensivo Pestalozzi in collaborazione con il Centro Culturale e Teatrale “Magma” (Catania)

Programma

  1. The Sound of Music – Fantasia sul musical di Richard Rodgers
    Intro (Overture) – The Sound of Music – Do-Re-Mi – My Favorite Things – Something Good – Sixteen going on seventeen – Climb ev’ry mountain
  2. My Favorite Morricone I – Medley su temi di Ennio Morricone Playing Love (La leggenda del pianista sull’oceano) – Se telefonandoVisita al Cinema – Love Theme (Nuovo Cinema Paradiso) – Love Circle (Metti una sera a cena) – The Legend of the Pianist (La leggenda del pianista sull’oceano)
  3. Andrea Amici: “Miniature” dalla colonna sonora del cortometraggio “Alle pendici dell’Etna il paradosso si integra
    Karol e Mario – II. Smartphone Music – III. Il fiore di carta – IV. Una cucina e vecchi ricordi – V. Un ristorante o un terrazzo – VI. La festa fra i tetti – VII. Coda
  4. Alfred Hitchcock Presents – A musical tribute to Alfred Hitchcock and “his” composers
    Alfred Hitchcock Presents / The Alfred Hitchcock Hour (C. Gounod: Marche funèbre d’une marionette), B. Herrmann: North by Northwest – Prelude, B. Herrmann: Vertigo – Scene d’amour, B. Herrmann: Psycho, M. Rózsa: Spellbound
  5. My Favorite Morricone II – Medley su temi di Ennio Morricone
    The Strenght of the Righteous (The Untouchables) – C’era una volta il WestRicordare (Una pura formalità) – C’era una volta in AmericaThe Ecstasy of Gold
  6. A John Williams Suite
    Theme from “Sabrina” – “Raiders March” from “Indiana Jones” – “Imperial March” from “Star Wars” – “Hedwig’s Theme” from “Harry Potter” – Theme from Schindler’s List – “Flying Theme” from “E.T.”

 

locandina-concerto-29-maggio-2017

I musicisti

Rosa Alba Nicolosi – violino. Inizia gli studi di violino presso la scuola media “G. Leopardi” di Catania, quale alunna dei corsi sperimentali di strumento musicale e nel 2000 consegue brillantemente il Diploma di violino presso l’Istituto Musicale Vincenzo Bellini di Catania. In seguito partecipa a numerosi corsi e seminari di perfezionamento musicale tenuti da illustri maestri (S. Pagliani, G. Münch, S. Girshenko, G. Franzetti, P. Berman, C. Mondini, M. Serino). Ha collaborato con varie orchestre ed enti. All’attività concertistica affianca l’approfondimento della didattica musicale e strumentale; ha conseguito il Diploma di Didattica della Musica con il massimo dei voti, quello di Insegnante di Educazione Audiopercettiva, il Diploma Accademico di secondo livello in Discipline musicali e il Diploma Accademico di secondo livello abilitante in strumento musicale.  Attualmente cura il perfezionamento strumentale con il M° Aldo Traverso. Dal 2007 insegna violino presso le scuole medie ad indirizzo musicale; è docente di ruolo presso l’Istituto Omnicomprensivo “Pestalozzi” di Catania.

Marianatalia Ruscica – violino. Dopo aver conseguito brillantemente il diploma in violino presso l’ISSM “V. Bellini” di Catania, ottiene a pieni voti la laurea specialistica ad indirizzo didattico per la formazione dei docenti nella classe di concorso di violino presso il medesimo Istituto e l’abilitazione all’insegnamento strumentale. Vincitrice di numerosi concorsi nazionali ed internazionali di esecuzione musicale, si esibisce regolarmente in formazioni cameristiche e in orchestra in Italia e all’estero. Dal 2014, come violinista del “Ten Strings Duo” in collaborazione con il chitarrista Davide Sciacca, effettua tournée nel Regno Unito, dove si è esibita nel 2016 in presenza di sua Maestà la Regina Elisabetta II e altri membri della Famiglia Reale presso la “Parish and Chratie Church” di Chratie. Attualmente è docente di strumento musicale presso l’Istituto Comprensivo Statale “Verga” di Viagrande (CT).

Rosaria Milici – viola. Palermitana, dopo aver conseguito il diploma di Violino nel 1993 al Conservatorio “V. Bellini “della città natale, si è perfezionata sotto la guida dei maestri Monch, Prencipe, Matacena. Ha intrapreso una intensa attività concertistica collaborando con le principali associazioni musicali siciliane (Ass. musicale Amici della musica; Orchestra da camera Gli Armonici, Ass. musicale Etnea, i nuovi cameristi, Ass. siracusana amici della Musica, orchestra da camera Stesichoros, Ente luglio trapanese, EA orchestra Sinfonica siciliana,EAR Teatro V. Bellini di Catania, Ente Teatro lirico P. da Palestrina di Cagliari, esibendosi anche in qualità di violista. Ha inciso per la Amadeus, Classica, Stradivarius. Dal 1997 riveste il ruolo di docente di violino nella scuola media ad indirizzo musicale. 

Stefania Puccia – violoncello. Nata a Catania nel 1990, ha intrapreso all’età di otto anni lo studio del violoncello diplomandosi nel 2012 con il massimo dei voti. Si è perfezionata con i maestri Rocco Filippini, Giovanni Gnocchi, Umberto Clerici. Svolge attività concertistica in diverse formazioni orchestrali e da camera.

 Patrizia Privitera – contrabbasso. Nata a Catania, si è diplomata in contrabbasso presso l’Istituto Musicale “V. Bellini” della stessa città sotto la guida del  M° E. Tosto, ha proseguito gli studi con il M° S. Nicotra. Ha suonato con varie compagini orchestrali e in varie stagioni lirico-sinfoniche, spesso come primo strumento. Si è esibita con solisti e direttori di fama internazionale. Ha seguito vari corsi di perfezionamento e seminari tra quelli con il M° Sergej Girschenko e il M° F. Petracchi. Ha inciso per la Classico di Copenaghen composizioni di rara esecuzione di V. Bellini e di G. Geremia cantate da Katia Ricciarelli e Salvatore Fisichella. È attualmente docente di ruolo presso la scuola secondaria di primo grado.

 Annalisa Mangano – pianoforte. Nata a Catania, si è diplomata nel 1994 a pieni voti presso l’Istituto Musicale “V. Bellini” della sua città sotto la guida del M° Cristina Zago. Alla sua formazione hanno contribuito insigni docenti. È vincitrice di oltre 30 concorsi nazionali ed internazionali. Ha effettuato tournée all’estero e inciso per la BMG. Nel 2008 ha conseguito la laurea di II livello in Discipline Musicali presso l’Istituto di Alta Formazione Artistica “V. Bellini” di Catania con 110/110 e lode. È stata maestro collaboratore per varie produzioni operistiche e svolge attività concertistica da solista e in varie formazioni cameristiche. È docente di pianoforte presso l’Istituto Onnicomprensivo ad indirizzo musicale “Pestalozzi” di Catania.

Domenico Testaì – flauto. Inizia i suoi studi nella scuola ad indirizzo musicale, si è diplomato brillantemente nel 2002, nel 2009 si abilita all’insegnamento nella classe di concorso AG77 e successivamente si specializza in discipline musicali nel ramo esecutivo-compositivo. Allievo del M° Salvatore Vella, ha partecipato a varie Masterclass, da effettivo, con diversi docenti. Svolge attività concertistica nella musica da camera, da solista, con orchestre e ha partecipato a registrazioni di CD e DVD. Vincitore di numerosi concorsi, ha collaborato con vari enti e teatri. È docente di flauto presso l’I.C. Vittorino da Feltre dove dirige l’orchestra della scuola e cura gli arrangiamenti.

 Davide Sciacca – chitarra. È docente di Chitarra e Intavolature presso l’Istituto Musicale V. Bellini di Caltanissetta e l’Istituto Onnicomprensivo “Musco” di Catania. Ha ottenuto successi di pubblico e critica durante svariati tour nel Regno Unito nei quali si è esibito presso la BBC Radio, Sale prestigiose, Teatri, Chiese e, nell’agosto 2016, ha avuto l’onore, assieme alla violinista Marianatalia Ruscica, di suonare in presenza di Sua Maestà la Regina Elisabetta II, il Principe di Galles Carlo e gli altri membri della Famiglia Reale Britannica.

Ennio Morricone Oscar per la miglior colonna sonora

Finalmente Ennio Morricone conquista il suo primo Oscar per la miglior colonna sonora, con la partitura scritta per il film di Quentin Tarantino “The Hateful Eight“, dopo cinque nomination e una statuetta alla carriera del 2007.

Un riconoscimento meritatissimo, non solo per lo spessore del compositore, ma anche per l’eccellente lavoro in questione, una colonna sonora di fortissimo impatto emotivo, oscura nelle tinte timbriche e nelle atmosfere, dall’eccellente orchestrazione, con nessuna concessione alle “mode” del momento, anzi con punte di sperimentalismo in perfetto stile “morriconiano”.

Morricone, visibilmente commosso, ha ritirato la prestigiosa statuetta dalle mani di Quincy Jones, ha tenuto il suo breve discorso di ringraziamento in italiano, tradotto dal figlio che lo ha accompagnato, salutando anche il grande “stimato” collega John Williams, e ha dedicato il suo premio alla moglie che lo ha seguito in tutti questi anni.

All’oscar del Maestro dedico questo estratto dal mio medley “My Favourite Morricone II”, da me arrangiato, orchestrato e realizzato con strumenti virtuali.

Morricone

La Musica e oltre – Colloqui con Ennio Morricone

D. Ceramia, La musica e oltre – Colloqui con Ennio Morricone

Quando in libreria, un po’ distrattamente, ho acquistato questo libro, basandomi sulle avare note di copertina e per la verità senza esplorare il contenuto, pensavo di trovarmi di fronte all’ennesimo volumetto-intervista all’interno del quale, in mezzo a curiosità biografiche e domande più o meno banali che tipicamente si rivolgono ai compositori, avrei forse trovato qualche interessante spunto di riflessione. E trattandosi di Ennio Morricone, non avendo – se non ricordo male – un libro in proposito, ho acquistato proprio questo “La Musica e oltre – Colloqui con Ennio Morricone” di Donatella Caramia, pubblicato nel 2012 da Morcelliana.
La lettura, invece, si è rivelata una piacevolissima sorpresa, un affascinante viaggio attraverso il genio musicale visto attraverso l’occhio delle neuroscienze e della psicoanalisi, guidato e illustrato dall’autrice, la dott.ssa Caramia, medico neurologo, analista junghiana e musicista, docente di Neurologia e Psicologia musicale all’Università Tor Vergata di Roma, e inframmezzato da sei colloqui con Ennio Morricone: molto di più, quindi, di un libro-intervista, dove anche la stessa presenza del grande compositore è funzionale alla discussione di una tematica ben specifica e di grande interesse.
Il libro propone un’analisi molto dettagliata, anche se con un taglio decisamente divulgativo, delle ragioni per cui la musica rivesta nella vita dell’individuo e della collettività un ruolo così fondamentale.
La formula domanda/risposta tra l’autrice e il compositore occupa solo una parte, forse minore, dell’intero volumetto, mentre largo spazio è dato all’approfondimento delle tematiche relative alla stretta connessione fra vita e musica attraverso l’attività cerebrale conscia e inconscia, sotto un profilo a tratti molto profondo e “meta-scientifico”, o meglio dando un taglio che supera nettamente un criterio meccanicistico, proprio di certe correnti di derivazione positivista, che lega biologia ed emozioni, facendo delle seconde un mero risultato di processi fisici.
Quando infatti l’autrice parla delle strette connessioni fra creatività e attività cerebrale a livello neurobiologico, di implicazioni fra la socialità a livello profondo e la musica, parla appunto di una conferma a livello biologico di quanto avviene nella humanitas, come un tutto organico, quindi valorizzando appunto gli aspetti profondi e non riducendo il tutto a una formula matematico-scientifica.

Il libro diviene quindi un interessantissimo spunto di riflessione e anche, per i musicisti, di autoanalisi: quanto avviene all’interno della personalità del musicista è per lui stesso un mistero, se non addirittura qualcosa cui neanche si pensa, immersi come si è nella quotidianità che spesso fa dimenticare la grandezza di un “dono” che si cela al proprio interno; questo libro aiuta a svelare ciò che accade nel profondo di una “mente musicale”, lasciando comunque aperto un margine alla meraviglia, pur trattandosi di una trattazione essenzialmente scientifica.

Una lettura da non perdere, quindi, per chi volesse approfondire – per usare le parole del maestro Morricone – l’ “altrove profondo che non esiste nella realtà” da cui proviene la musica.

Morricone

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Navigando fra le pagine di questo sito, ne accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" autorizzi il loro utilizzo. Consulta la pagina Informativa sui cookie per maggiori informazioni.

Chiudi