Andrea Amici

musicamultimedia.net

Tag: messina

Ricordo di Michel Petrucciani

Nell’anniversario della nascita

Ero studente del liceo a Messina, nella seconda metà degli ormai lontani anni Ottanta, quando ebbi l’opportunità di assistere a un concerto di Michel Petrucciani.

Anche se non ne ricordo esattamente la data, né purtroppo ho ritrovato alcun riferimento sul web, ho nella mente un’immagine vivida di quella sera al Teatro Vittorio Emanuele della città dello Stretto. Erano gli anni in cui il Brass Group, la società concertistica palermitana che all’epoca aveva anche una sezione messinese, organizzava eventi con figure di grande spicco del panorama internazionale del jazz, fra le quali ricordo Herbie Hancock, Art Blakey, Oscar Peterson e tanti altri.

Petrucciani, che oggi avrebbe compiuto 56 anni, apparve sul palco in braccio a un assistente che lo depose sul seggiolino del pianoforte; avevo già ascoltato il musicista dai suoi album, ma l’avevo visto soltanto in fotografia (YouTube ancora, ovviamente, non esisteva…) e la sua fragile figura, dal vivo, com’è naturale, impressionò subito tutti; il grande pianista francese, già considerato una delle massime vette del jazz internazionale, con un gran sorriso e un’incredibile naturalezza, si lanciò con il suo trio in un lungo e articolato viaggio fra i grandi standard di repertorio e sue composizioni, regalando anche intensi momenti affidati alla poesia del solo pianoforte.

Michel Petrucciani

La tecnica assolutamente straordinaria, il rigore delle sue improvvisazioni sempre ricche di grandi spunti melodici e mai sfoggio di eventuali pur ben confezionati cliché, lo portavano a vette realmente inarrivabili, tanto più se si considerano gli enormi limiti fisici imposti dalla sua disabilità e i dolori causati anche durante le sue esecuzioni (e quindi anche durante quella sera a Messina) dalle continue fratture ossee dovute alla sua malattia.

Eppure il grande pianista continuava a dispensare la sua splendida musica, nonostante tutto, con una caparbia fiducia nella vita, nella bellezza dell’arte, prendendosi ogni tanto qualche breve pausa chiudendo il copri tastiera del pianoforte e appoggiandovisi sopra, come sulla spalla di un vecchio e fedele compagno di vita, ricominciando subito un inesauribile vortice di idee musicali che si inseguivano con una rapidità tale da non dare neanche il tempo di riflettere su quanto stesse accadendo senza che già si passasse oltre verso sempre nuove trovate.

Le qualità che apprezzai quella sera, affinatesi in seguito sempre di più oltre il già enorme livello allora dimostrato, sarebbero state compagne di tanti altri ascolti discografici, perché continuai a seguire Petrucciani nel corso degli anni, fino ad oggi, a quasi vent’anni dalla sua scomparsa, la cui ricorrenza sarà il prossimo 6 gennaio.

In questo 28 dicembre, giorno del suo compleanno, mi piace ricordare così il pianista francese, con questa mia esperienza personale e il ricordo vivo di un musicista veramente impareggiabile ma anche di un grande esempio di fiducia nella vita e di capacità di andare oltre i propri limiti.

Jean Guillou a Messina per il centenario del terremoto

All’alba del 28 dicembre del 1908, esattamente cento anni fa, un terribile terremoto distrusse completamente Messina, un’immane catastrofe della quale la città porta tutt’oggi i segni e paga le conseguenze della perdita della propria memoria storica e della propria identità sociale culturale.

L’Arcidiocesi di Messina ha commemorato il centenario del terremoto anche con uno straorinario evento musicale, un concerto del Maestro Jean Guillou al monumentale organo Tamburini del Duomo, il 27 dicembre alle ore 21.

Per la sensazionale occasione – alla quale il pubblico messinese è intervenuto numeroso tributando all’insigne musicista un caloroso successo, pur dimostrando sicuramente una certa impreparazione dovuta alla carenza di una reale consuetudine con il repertorio organistico – la Basilica Cattedrale è stata munita di un grande schermo sul quale è stato possibile ammirare e seguire con maggiore attenzione e partecipazione la performance del maestro francese, grandissimo interprete e compositore nonché organista titolare dei grandi organi della Basilica di S. Eustache a Parigi.

Read More

Pierre Boulez: non solo direttore

Pierre Boulez

Pierre Boulez: non solo direttore

dall’esperienza del concerto al lavoro del compositore

Igor Strawinsky dirige una prova (Londra, 1958)

Il principale evento della stagione musicale messinese è stato probabilmente il sensazionale concerto diretto da Pierre Boulez tenutosi al Teatro Vittorio Emanuele, durante il quale il maestro francese ha dato un’altra prova delle sue doti di originalità e genialità interpretativa; il programma era costituito da due opere di Igor Stravinsky (nella foto a sinistra), tra cui la formidabile Le Sacre du Printemps, momento capitale della storia della musica del nostro secolo, cui Pierre Boulez ha dedicato i suoi sforzi di acuto saggista. Quest’ennesimo successo nel campo della direzione d’orchestra, mette sicuramente in ombra però, agli occhi del grande pubblico, il fatto che Pierre Boulez non è solo un geniale interprete, ma soprattutto un compositore e che come tale ha segnato la storia della musica del nostro secolo, diventandone uno dei massimi protagonisti; il maestro francese è, infatti, sull’onda del successo compositivo sin dal lontano 1945, anno in cui Yvette Grimaud eseguì il ciclo delle Douze Notations per pianoforte: è la prima ed incondizionata adesione di Boulez ventenne alla tecnica del serialismo dodecafonico, eredità di Anton von Webern (foto a destra),Anton von Webern il compositore allievo di Schoenberg insieme con Alban Berg, che diventerà dagli anni cinquanta in poi il modello, il punto di riferimento dei giovani compositori.

Le Notations sono un piccolo ciclo di dodici pezzi per pianoforte, tutti di dodici misure ciascuno, che alternano momenti contemplativi e momenti di bravura pianistica; il numero dodici diventa quindi l’elemento unificatore, la cellula germinale di ogni livello della composizione, della sua macrostruttura come della sua microstruttura. Con questa composizione il maestro francese s’incammina lungo un percorso che lo porterà alla realizzazione di un modello compositivo che si basa sulla autogenerazione della scrittura musicale a partire da materiali di base minimi. Il punto di approdo di questo cammino Olivier Messiaenè rappresentato principalmente dalle Structures per due pianoforti, opera in cui, partendo da un materiale di base tratto da un lavoro di Messiaen (foto a sinistra), la tecnica seriale guida le evoluzioni non solo delle altezze dei suoni ma anche delle durate e delle intensità, nonché dell’intera struttura musicale. Quest’opera rappresenta allo stesso tempo il culmine di un procedimento compositivo ed un vero e proprio vicolo cieco: il compositore trova il suo limite nella possibilità di realizzare esclusivamente un progetto musicale, che detta ogni aspetto della composizione, eliminando completamente qualunque apporto imprevedibile della fantasia.

Luciano Berio

Dopo cinque anni di meditazione condotta prevalentemente sulla figura poetica di Mallarmé e sulle innovative teorizzazioni dell’opera aperta, discusse con noti studiosi come Umberto Eco e musicisti come Pousseur e Berio (nella foto a destra), Boulez trova finalmente la sua strada che lo porta ad una nuova fase compositiva nettamente differente dalla precedente; mentre infatti prima del 1952 il maestro francese era nettamente convinto dell’impossibilità di comporre a prescindere dalle strutture basate sulla serie dodecafonica, con l’opera Le Marteau sans maître per contralto e sei strumenti il pensiero compositivo comincia ad affiancare alla lucidità della scrittura flessibilità ritmiche e finezze timbriche sia di natura esotica sia di natura tipicamente francese. Il passo successivo della creatività di Boulez consiste nell’apertura all’indeterminatezza del contributo creativo dell’interprete; nascono così opere come la Terza Sonata per Pianoforte, Pli selon Pli e soprattutto …Explosante-fixé…
La copertina del cd Deutsche Grammophon contenente la registrazione di Exposante-fixein cui il compositore crea dei percorsi musicali che l’esecutore dispone, relativamente, a suo piacimento trasponendo così in campo musicale la tendenza tipica di molte forme d’arte moderna che si basano sul montaggio di materiali diversi. In realtà il maestro francese compie un percorso veramente particolare lungo tutto l’arco della sua carriera.

Da una mentalità essenzialmente costruttivista di natura tipicamente pessimista nei confronti della libertà della fantasia, si passa ad un universo sonoro in cui il fattore umanistico sembra prendere il sopravvento. Come può dunque spiegarsi un cambiamento così radicale? Le radici di questo ripensamento sono da ritrovarsi proprio nelle teorizzazioni dell’opera aperta; l’attività del direttore d’orchestra e più genericamente dell’interprete è, infatti, un approccio “aperto” alla scrittura del passato: la figura dell’interprete, infatti, facendo da tramite tra il compositore ed il pubblico, apporta novità allo stesso pensiero contenuto nell’opera, sempre in ogni caso nel rispetto del suo dato grafico; Boulez, evidentemente convinto di ciò, porta la propria lucidità costruttivista all’interpretazione delle grandi opere di repertorio ed allo stesso tempo la riconsiderazione generale della musica precedente alla rivoluzione seriale degli anni Cinquanta mitiga le sue posizioni estremistiche che lo avevano portato a negare qualunque forma di composizione musicale che non fosse ispirata alla serie; con la possibilità di approfondire i capolavori della letteratura musicale del passato Boulez ha così la possibilità di ispirare in un certo senso il proprio lavoro di scrittura all’umanesimo del passato.

Vi è quindi una linea che dal presente del compositore si estende alla lettura del passato ed un’altra che dal passato accende nuovi momenti nel presente del compositore.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

Navigando fra le pagine di questo sito, ne accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" autorizzi il loro utilizzo. Consulta la pagina Informativa sui cookie per maggiori informazioni.

Chiudi