Non vi è assolutamente nulla che il giusto debba temere. Ogni creatura infatti gli è soggetta.
Dalle «Omelie sul libro di Giosuè» di Origène, sacerdote  (Om. 4, 1; PG 12, 842-843)