Mi accorgo solo adesso, riguardando il mio blog su Musica & Multimedia, che l’ultimo post risale “solamente” al periodo natalizio: da Natale a Pasqua, quindi, senza annotare alcuna idea, alcuna novità. Tutto fermo, allora? Nessuna nuova iniziativa? Nessun nuovo lavoro?

Ebbene i pensieri e i progetti fervono e si susseguono l’un l’altro a velocità vertiginosa, solo il tempo è tiranno fra impegni di lavoro e spazi per la riflessione che – ahimè – si assottigliano sempre di più.

Tuttavia il tempo non passa invano e alle soglie di queste festività pasquali e di un brevissimo stacco dall’attività lavorativa (finché ancora ci si consentirà di usufruire di qualche giorno per potersi concentrare sulla dimensione religiosa, purtroppo oggi molto messa in secondo piano anche dai legislatori che si occupano molto di garanzie ma spesso non tutelano quelle ovvie…) vorrei illustrare alcune idee, alcuni progetti e alcuni lavori che spero presto saranno visibili a tutti su internet.

Se dovessi definire con una sola parola chiave questi ultimi mesi, userei senza dubbio: sperimentazione. E sperimentazione su vari fronti, fra i quali si pone come catalizzatore il computer, la longa manus che ormai permette sempre di più di concretizzare la propria fantasia.

Sono negli ultimi mesi approdato all’utilizzo massiccio della Adobe Creative Suite Web Standard, che adopero al lavoro per la realizzazione e il mantenimento del sito dell’I.C. Pestalozzi di Catania (www.pestalozzi.cc), merito dell’entusiasmo nei confronti dei miei “prodotti” da parte del mio dirigente scolastico, che mi ha chiesto di dotare l’istituto del miglior mezzo sul mercato. Gli sforzi, gli studi e la sperimentazione si sono indirizzati principalmente a Flash CS3, un “grande” ritorno per me, ma anche un “traumatico” ritorno! Avevo lasciato Flash anni fa (come si può vedere attraverso le vestigia informatiche di questo sito), ancora Macromedia, e lo ritrovo in una smagliante forma Adobe, un un momento di profonda maturità e a un livello di sviluppo veramente eccellente, con una perfetta integrazione creativa tra i prodotti. Ma per ActionScript 3 una transizione tutt’altro che indolore: le novità sono tante e anche strutturali, ma proprio in questi giorni arrivo a farmi le mie document class e a mettere online vari frutti delle mie sperimentazioni: nulla osta, ovviamente, che anche Musica & Multimedia presto sia toccato dalle novità. Una cosa però mi impongo, contrariamente alla mia naturale tendenza: lungi da me l’idea di buttare tutto giù e ricostruire da zero su basi nuove, la parola d’ordine sia per il sito che gestisco per lavoro, sia per il mio, sarà integrazione delle tecnologie; non esiste in realtà una soluzione definitiva, ma invece la chiave è l’utilizzo strategico delle risorse.

La sperimentazione maggiore è invece quela in campo musicale. Dopo i lavori degli ultimi mesi dello scorso anno, con la pubblicazione su YouTube e Musica & Multimedia dei tre brani Ave Maria, La Mia Fanciulla e Regina Coeli, mi sono definitivamente indirizzato all’uso del computer nella composizione musicale: mentre per i brani che ho scritto anni fa vedevano il computer come anello finale, principalmente per la preparazione della partitura, ora il processo compositivo si svolge al computer.

Igor Stravinsky affermava che per lui era meglio lavorare a contatto con la materia sonora e si riferiva alla sua abitudine di comporre al pianoforte, non solo provando le proprie idee ma anche facendo stimolare la mente dagli automatismi delle dita alla tastiera; Stravinsky ne era convinto, tanto da seguire anche dei precisi rituali e delle precise abitudini per la composizione creandosi uno spazio di lavoro attorno al pianoforte, ma naturalmente non era il solo. Oggi lavorare a contatto con la materia sonora significa molto di più che un semplice pianoforte e mi accorgo che la composizione assistita da un computer e dai campionatori è oggi una risorsa imprescindibile per ogni compositore, tanto più che adesso è possibile con librerie sonore sempre più dettagliate creare un suono orchestrale che si avvicina in maniera assolutamente impressionante alla realtà.

Il mio lavoro si svolge attorno ad un Apple iMac al quale viene collegata una master keyboard a 88 tasti pesati con “azione martelletto” CME UF-80 che controlla essenzialmente Logic, un software che sto imparando sempre più a conoscere e ad apprezzare nel pieno delle sue funzionalità.

Il mio studio musicale

Il mio studio musicale

I progetti sono tanti: numerose idee sparse, per il momento, che riempiono una cartella del computer dal laconico nome di “Appunti“, e attualmente un’orchestrazione di un mio vecchio brano, Kyrie in memoriam Johann Sebastian Bach, una fuga vocale a quattro voci su doppio soggetto, già in avanzato stato di lavorazione; nella mente intanto frulla un’orchestrazione di un altro mio brano per soprano e pianoforte, Sentieri Nascosti, che in ordine cronologico dovrà forse seguire l’attuale progetto in corso e diventare per coro femminile e orchestra “ampliata” rispetto al normale organico, e inoltre una prima parte di un brano, completa di orchestrazione, che dovrebbe diventare un Divertimento per orchestra, nato come studio, come esigenza di approfondire tecniche strumentali attravero un essenziale astrattismo concettuale.

Frattanto giunge la mezzanotte ed è l’inizio di un giorno importante: Cristo risorge e con lui la speranza di un futuro migliore.
Regina Coeli Laetare Alleluja!
Buona Pasqua a tutti!