Stravinsky compose il “Greeting Prelude” nel 1955, in occasione dell’ottantesimo compleanno di Pierre Monteux, il direttore d’orchestra che, fra l’altro, era stato anche il “padrino” di Petruška e della Sagra della Primavera. È un aforisma, uno “scherzo musicale” (un musikalischer spass), basato sulla notissima “Happy birthday to you”, che Stravinsky tratta in maniera estremamente originale, essendo ormai prossimo all’ultima grande rivoluzione della sua carriera di compositore, cioè l’adozione della dodecafonia seriale. 

Le note della melodia vengono infatti utilizzate come una serie diatonica e sottoposte a procedimenti diversi. Pur nella sua brevità (è lungo appena trentadue battute per una durata media di circa quarantacinque secondi), il brano è chiaramente suddiviso in tre sezioni, A-B-A’. Nella prima e nell’ultima (che è una ripresa variata) la serie viene frammentata timbricamente e disseminata nello spazio sonoro: è un procedimento che chiaramente si rifà ad Anton Webern, ma rivissuto in maniera del tutto personale; le scelte strumentali hanno infatti il netto sapore stravinskiano, così come anche l’andamento ritmico. Nella sezione centrale invece la serie viene presentata in un disegno lineare contrappuntistico, con una spiccata dimensione e direzione orizzontale: mentre gli strumenti più gravi espongono l’intera melodia (e quindi l’intera serie) di Happy birthday in maniera riconoscibilissima anche dal punto di vista ritmico, i violoncelli e i violini primi (cui si aggiungono i secondi per due battute e mezza) eseguono un rigoroso canone alla quinta nel quale la serie è presentata nella sua interezza, mentre le viole propongono la serie per moto contrario e poi nel retrogrado del contrario e i secondi violini nel retrogrado.

La terza sezione, rispetto alla prima, presenta un trattamento meno frammentato della serie nello spazio sonoro, e anche degli accordi verticali degli archi, ritmicamente pronunciati e disposti in maniera asimmetrica che ripropongono gli incisi caratteristici di Happy Birthday mentre nelle ultime battute tutto il materiale seriale si accumula in verticale, piegando le stesse regole alle necessità del risultato sonoro che il compositore vuole ottenere. 

Il Greeting Prelude fu eseguito per la prima volta il 4 aprile 1955, giorno del compleanno di Monteux, alla Symphony Hall di Boston dalla Boston Symphony Orchestra diretta da Charles Münch. 

La mia versione del brano è prodotta con il software Steinberg Cubase Pro 11 e realizzata con gli strumenti virtuali:

  • Vienna Symphonic Library
    • Synchron Strings Pro
    • Synchronized Woodwinds
    • Synchronized Special Edition
    • Synchron Piano Steinway
  • Spitfire Audio BBC Symphony Orchestra Core
  • EastWest Quantum Leap Hollywood Brass Opus Edition