Sono passati già dieci anni da quel 20 aprile 2001 quando Giuseppe Sinopoli morì tragicamente, colto da un infarto mentre stava dirigendo l’Aida di Giuseppe Verdi alla Deutsche Oper di Berlino.
Ero allora studente di direzione d’orchestra a Palermo e proprio la mattina dopo c’erano esercitazioni con l’orchestra del Conservatorio. Avevo appreso la notizia mentre viaggiavo da Messina a Palermo e ne avevo discusso ampiamente con un collega di studi, mio carissimo amico. Quella mattina ci fu una certa palpabile agitazione e un vago malcontento durante le prove, come se un sentimento diffuso di tristezza mista a disagio avesse investito tutti.
Sinopoli era già infatti un punto di riferimento artistico e umano: fra i direttori contemporanei era uno di quelli che stava scrivendo una nuova pagina nella storia dell’interpretazione, con quel suo caratteristico modo di accostarsi con spirito nuovo anche alle partiture più trite, con la capacità di indagare pieghe oscure dell’animo dei compositori, il tutto con un grande rigore storico e con una grande padronanza delle intenzioni e dei mezzi.

Lo ricordo adesso, perché anni fa, nella tarda estate, per noi Siciliani si pregustava la possibilità di andare ad ascoltare gli splendidi concerti del Maestro a Taormina, nella cornice del Teatro Antico, che con l’orchestra, era allora la Philharmonia di Londra, e Sinopoli acquisiva un’aura assolutamente irreale, con quello squarcio sullo sfondo fra le mura dell’architettura romana che lascia vedere il mare.
Ricordo la mia prima opera in tedesco, il Lohengrin, che Sinopoli propose con una bellissima e ieratica regia del pronipote di Wagner.
E ancora le sinfonie di Mahler, Elektra, con una brutta scenografia ma pur sempre di enorme potenza musicale, un indimenticabile primo atto della Walkiria preceduto dai Vier Letzte Lieder di Strauss e ancora tanti altri concerti di una levatura artistica talmente importante da non aver avuto più seguito nel territorio.
La bellezza della musica e l’atmosfera incantata della “Perla del Mediterraneo” avevano anche un interessante seguito nella puntuale cena con gli amici con i quali si era stati al concerto in un buono e rinomato ristorante di Taormina, dove, gustando le specialità della nostra terra, si discuteva animatamente di quanto si era ascoltato, fornendo ognuno illuminanti particolari e suggestioni, confrontando anche quanto già si conosceva attraverso altre interpretazioni e tra una parola e l’altra, si vedeva qualche volta arrivare e fermarsi pochi tavoli più in là proprio il maestro Sinopoli, anche lui a cena nello stesso locale, e si notava il suo volto, espressione di una mente ancora concentrata e immersa nelle profondità della bellezza che poco prima si era materializzata in un piccolo angolo di Paradiso.